Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

L’Italia ritrova la forza del lavoro

C’è qualcosa di concreto nella speranza che il Sistema Italia possa riuscire a superare limitando i danni l’onda lunga della crisi globale. Anche perché esperti ed economisti (giornalisti compresi) devono mettersi un po’ di cenere sul capo spostando tra gli elementi positivi molti tra i fattori che erano stati per tanto tempo considerati come indicatori di rischio o di arretratezza. Si è parlato così molto delle banche, che si trovano meno esposte ai titoli tossici perché più arretrate sul fronte dell’internazionalizzazione. E così delle piccole e medie imprese, più legate ad un tradizionale capitalismo familiare e meno attirate dalle sirene delle leve finanziarie. E nel complesso di un’economia in cui, come giustamente ama sottolineare Giulio Tremonti, c’è sicuramente un altissimo debito pubblico, ma a fianco del quale non c’è un debito privato ed anzi le famiglie continuano ad essere orientate fortemente al risparmio.

Questi elementi possono essere dei punti di forza se ad essi si affiancano due fattori essenziali: da una parte uno Stato capace di accompagnare la crescita liberando vincoli e favorendo la competitività, dall’altra la volontà da parte delle imprese di seguire con coraggio la strada dell’innovazione e delle ristrutturazioni. Le basi ci sono tutte soprattutto in particolare guardando all’area forte dell’economia: quella fascia pedemontana che va dal Piemonte a Trieste in cui, come sottolinea Daniele Marini nelle ricerche della Fondazione Nord Est sui percorsi di sviluppo delle imprese di successo (“Fuori dalla media”), si può parlare di “società laburista, dove il lavoro ha (ancora oggi) una dimensione culturale centrale nella vita, nei destini e negli orientamenti degli individui”.

Si riscopre così la centralità del lavoro al di là e al di sopra delle tradizionali connotazioni ideologiche. E’ il lavoro come valore che accomuna i dipendenti con gli autonomi, gli imprenditori con gli artigiani. E’ un lavoro che si trasforma verso “professionalità sempre più elevate”, anche se si scontra sempre più con uno scenario in cui fanno difficoltà ad emergere i necessari adeguamenti delle struttura amministrativa e della normativa burocratica. E’ un lavoro che punta sulla risorsa umana superando i modelli rigidi, gli schemi preconfezionati, le soluzioni prefabbricate dei manuali di management.

Senza dimenticare che questa crisi trova le imprese italiane già messe alla prova e che hanno, almeno in gran parte, superato la selezione determinata dalla sfida della competitività internazionale. Con alcune particolarità che possono diventare in questa fase nuove basi di partenza: come la spinta alla modernità, la flessibilità gestionale, il passaggio dalla logica dei distretti a quella delle reti d’impresa. E con una forte affermazione dell’identità industriale: nella convinzione che il manifatturiero non solo ha dalla sua una grande tradizione, ma può trovare nella materialità e nella concretezza del produrre nuovi forti stimoli di innovazione e quindi di crescita.

——-

“Fuori dalla media” a cura di Daniele Marini, Ed. Marsilio, pagg. 340, € 23

Pubblicato sul Sole 24 Ore  il 26 marzo 2008  

 

 

 

  • Diego Marcello Capezzuto |

    Il lavoro in Italia è il perno principale, voglio cogliere l’occasione per ringraziare Sviluppo Italia che ha erogato a mio nome un prestito per una giovane attività che volevo creare, ecco questa di Sviuppo Italia è stata una mano da lodare da parte dello Stato, è stata quella spinta coerente, efficiente e disciplinata che ho sempre ritenuto valorosa per il commercio italano, cominciando a erogare fondi per le piccole imprese sino ad arrivare a quelle più grandi, è una fase importante per l’industria italiana. Per quanto riguarda il risparmio, credo che in ogni famglia ci sia bisogno di questo orientamento, il risparmio è una cosa sacrosanta, dove c’è il risprmio c’è coerenza e voglia di continuare e credo che la longevità delle nostre industrie e aziende sia dovuta proprio all’alto valore che riteniamo sia il risparmio. Un ultima cosa agli imprenditori, il mercato europeo credo vada valutato nell’insieme, senza avere timore di entrarci credo che l’unica cosa a cui si possa andare incontro è trovare una famiglia ancora più ampia e numerosa.

  • Michele |

    Le segnalo un blog che intende monitorare le nuove forme del made in Italy: http://www.italoblog.it.
    In Particolare e grazie alla collaborazione con la Camera di Commercio Italo-Slovacca, saranno a breve on line alcune interviste ad imprenditori: uno dei nodi delle interviste è proprio la cultura dal lavoro.
    Le segnalerò quando saranno on line.

  Post Precedente
Post Successivo