Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Riflessioni/ L’allarme prezzi

Venerdì 22 febbraio l’Istat ha comunicato, insieme al dato "tradizionale" sull’inflazione, anche un nuovo indice dell’andamento dei prezzi dei beni di più frequente acquisto. Ecco una breve riflessione.

—–

Un’operazione di trasparenza. Con il calcolo dell’aumento dei prezzi dei beni a più alta frequenza d’acquisto l’Istat ha fatto chiarezza e ha indirettamente risposto alle molte polemiche che negli ultimi tempi accompagnavano le rivelazione sull’andamento dell’inflazione. Quel 4,8% è innanzitutto la dimostrazione di come le "percezioni" dei consumatori sugli aumenti dei generi di largo consumo fossero fondate e reali. Insieme al 2,9% dell’indice medio vi è comunque la dimostrazione che i prezzi sono tornati a correre e che l’inflazione dovrà costituire nei prossimi mesi, elezioni e contratti compresi, un tema di fondo nell’azione di una difficile politica economica (nazionale) e monetaria (europea). Perchè se è doveroso salvaguardare il potere d’acquisto delle famiglie è altrettanto necessario difendere e migliorare la competitività delle imprese, una competitività che è l’unica vera possibilità di compensare gli effetti negativi dell’inflazione importata. La ricetta non è facile, ma si compone di due ingredienti: da una parte una riduzione del peso del fisco resa possibile da un taglio strutturale della spesa pubblica, dall’altra un recupero di produttività attraverso massicce dosi di efficienza, formazione e innovazione. Le scorciatoie rischiano solo di portare fuori strada.