Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Confucio e l’etica del capitalismo

Volpi
La grande crisi degli ultimi anni ha dimostrato fin troppo bene come vi sia un rapporto diretto, in positivo o in negativo, tra i valori che spingono comportamenti e scelte delle persone e la dinamica del sistema economico. E non è un caso che si possa amaramente constatare come i dibattiti e le analisi sull'etica nell'economia si siano moltiplicati in misura direttamente proporzionale alla progressiva eclissi di valori che hanno lasciato troppo spesso il passo a interessi più immediati e soprattutto materiali.Eppure si può ricordare come la società occidentale sia fondata, come ha dimostrato Max Weber, proprio su quell'etica protestante che è alla base dello spirito del capitalismo perché si esprime nella costanza del lavoro, nella metodicità, nella ferrea organizzazione del tempo, nella fedeltà a una propria "vocazione" in senso laico per lenire il senso di angoscia che deriva dal timore di non essere in grazia di Dio.
Un'etica che obbliga a non dissipare le ricchezze e a reinvestire i guadagni dando luogo a quell'accumulazione dei capitali che costituisce uno dei punti centrali delle spinte alla crescita nel libero mercato.



Lo stesso Max Weber in un libro meno noto, dedicato all'etica economica delle religioni mondiali, considera le religioni asiatiche come elementi di passività e di accettazione dell'esistente e spiega in questo modo la mancanza di sostanziali processi di cambiamento in quei mondi. Ma dalle analisi di Weber, comunque basilari nella storia del pensiero socioeconomico, sono passati cent'anni e molto probabilmente il sociologo di Erfurt rivedrebbe molte sue osservazioni se si trovasse a giudicare l'esplosione economica che ha interessato i paesi asiatici a cavallo tra il secondo e il terzo millennio.
Perché, come rilevano due grandi conoscitori della realtà orientali quali Vittorio Volpi e Franco Mazzei nel loro libro La rivincita della mano visibile, quello che avrebbe reso possibile lo sviluppo dirompente prima del Giappone, poi della Cina e dei paesi vicini quali Vietnam e Corea, sarebbe stata una matrice culturale e religiosa che ha trovato nel confucianesimo il proprio valore comune e in politiche pubbliche il principale strumento di cambiamento. «Lo stato confuciano – spiega Volpi – è interventista in quanto organizzatore dell'interesse comune che è identificato oggi nello sviluppo economico del paese». In questa dimensione il pubblico ha prevalenza sul privato che non vede la società nella prospettiva del conflitto, della contrapposizione, dell'opposizione teorica tra stato e mercato. E' così che nel modello di società cinese appare in secondo piano la visione occidentale che invece sembra necessariamente contrapporre socialismo e capitalismo e in aperta contraddizione l'esistenza di un libero mercato in economia in una dimensione totalitaria della società politica. Dimostrando anche perché nella spiegazione delle dinamiche economiche, in Occidente come in Oriente, debba contare più la persona e i suoi valori che la costruzione teorica di modelli ideologici o matematici.

Franco Mazzei e Vittorio Volpi, "La rivincita della mano visibile", Università Bocconi editore, pag. 168, € 16

Pubblicato il 7 ottobre sul Sole 24 Ore

  • Sandro Frigerio |

    L’argomento è dibattuto da tempo. Autori come Chi Ch’ao-ting (Key Economic Areas in Chines History – 1936), quindi Joseph Needham (la monumerntale Science and Civilization in CHina) e soprattutto l’ex marxista e poi anti-comunista Karl August Wittfogel (The Oriental Dispotism, 1957) sostennero sostanzialmente la tesi della “Civiltà Idraulica”, cioè che paesi dai suoli aridi ma con acqua che doveva quindi essere trasportata a distanza, come la Cina, ma anche la Mesopotamia e i regni pre-colombiani, avevano bisogno di un forte e saggio potere statale per organizzare fiumi, dighe, granai e via di questo passo. Questo, per inciso, non stava a dimostrare che la civiltà cinese avesse “meno mercato”. Pur essendo fondamentalmente agricola, aveva mercati vicini e lontani, non aveva la schiavitù che altre società conobbero. L’argomento fu ‘stirato’ a vario mnodo, da chi vedeva in queste tesi un subdolo mezzo per negare la lotta di classe (proprio ad opera di un ex marxista che negli anni ’30 era stato brevemente incarcerato da Hitler) a chi voleva affermare l’unicità del marxisto cinese differenziandolo da quello moscovita – staliniano negli anni ’60, fino a chi voleva vedere un’età dell’oro di sovrani illuminati.
    Confucio riteneva che il “principe” dovesse “mettere ordine sotto il cielo” e quindi operare con saggezza, ma non pretese di essere un capo religioso. Tra l’altro, è noto che la nascita dell’impero cinese coincise con la volontà imperiale del rogo dei libri (213 a.C.) proprio per cercare di estirpare le teorie della scuola confuciana. Insomma, anche Confucio ebbe vita grama.

  Post Precedente
Post Successivo